FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO

 

Cos'è

Come attivare il FSE

Strumenti di accesso ai Servizi Sanitari

Accesso al FSE

Trattamento privacy

Strutture attivate

Sperimentazione FSE

Titolari e responsabili del trattamento

 

Accedi al tuo FSE

 

Cos’è

Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) è lo strumento digitale messo a disposizione da Regione Marche per la raccolta di documenti e dati sanitari e socio-sanitari generati da eventi clinici ed episodi assistenziali avvenuti per ciascun assistito, al fine di documentare la sua  storia clinica e di salute.

L’attivazione del FSE è facoltativa; ciascun assistito potrà decidere in piena libertà se attivare il FSE o meno e, una volta attivato, se alimentarlo con i propri dati/documenti nonché rilasciare il consenso alla sua eventuale consultazione. La mancata attivazione del Fascicolo non comporta in ogni caso alcuna conseguenza sul diritto a ricevere qualsiasi prestazioni di carattere sanitario e socio-sanitario necessaria. 

Il FSE consentirà a ciascun cittadino di avere sempre a disposizione le informazioni sanitarie e socio sanitarie a lui riguardanti, tra cui ad esempio: referti di laboratorio e di radiologia, referti specialistici,  prescrizioni, nonché le annotazioni di Profilo Sanitario Sintetico effettuate dal medico di famiglia, riprese dalla scheda sanitaria individuale dell’assistito tenuta ai sensi dell’Accordo Collettivo Nazionale vigente.

In futuro sul Fascicolo inoltre il cittadino potrà caricare anche documenti sanitari e socio-sanitari relativi a eventi ed episodi di cura ricevuti in strutture private o in altre Regioni, e altri documenti sanitari ritenuti di interesse (sezione “Taccuino del cittadino”).

Il Fascicolo è uno strumento che facilita l'esercizio del diritto alla salute di ciascun cittadino poiché permette di accedere in modo semplice e sicuro ai propri dati e documenti socio sanitari. 

 

Come attivare il FSE

Il FSE è attivabile da parte di ciascun assistito marchigiano previa esplicitazione dei relativi consensi all’alimentazione e alla consultazione.

Per attivare il proprio FSE accedere alla sezione consenso all'attivazione.

 

 
L’accesso ai servizi sanitari, tra cui FSE, è regolato dal sistema regionale FedCohesion, che è il sistema regionale di gestione dell’identità digitale federato per tutta la Pubblica Amministrazione di Regione Marche. 
 
In conformità al Codice dell'Amministrazione Digitale (D.Lgs. 82/2005), l’accesso ai servizi on-line di Regione Marche è previsto tramite le seguenti modalità: 
  • PIN cohesion: ovvero una terna statica di informazioni costituiti da codice fiscale/ password/ PIN che sono consegnate all’utente attraverso una busta retinata segreta, da ritirare personalmente presso tutti gli uffici di Regione Marche disponibili per l’attivazione della Tessera Sanitaria Elettronica. Per conoscere gli uffici abilitati al rilascio del PIN in fase di sperimentazione si veda la sezione Sperimentazione
  • OTP cohesion: ovvero tramite l’utilizzo di una credenziale valida solo per una singola sessione di accesso. La OTP, al contrario delle credenziali statiche, non può essere memorizzata, pertanto richiede una tecnologia supplementare per poter essere generata ed usata ad ogni accesso. In particolare è richiesta l'installazione dell'APP Google Autheticator nel proprio smart phone.
  • Smart Card: ovvero tramite Carta d'Identità Elettronica CIE  dotata di certificato di autenticazione, Carta Nazionale dei servizi, CNS Carta Raffaello o TS-CNS dotata di Chip e certificato di Autenticazione, per chi ha a disposizione un lettore di smartcard e il codice PIN della carta.
    La Carta Nazionale dei servizi (CNS) è una carta elettronica, strettamente personale che sostituisce, ampliandone le funzioni, l’attuale Tessera Sanitaria (TS)

La CNS permette l'accesso ai servizi on line della Regione Marche e della Pubblica Amministrazione già disponibili, nonché  quelli che saranno disponibili in futuro, in assoluta sicurezza e nel rispetto della privacy .

La TS/CNS  è dotata di un microprocessore contenente solo un certificato di autenticazione digitale che certifica l'identità del cittadino, garantendo massima sicurezza nell'accesso ai servizi erogati per via telematica dalla Regione Marche e dalle Pubbliche Amministrazioni. Il certificato di autenticazione va attivato presso gli sportelli messi a disposizione.

La CNS viene spedita dal Ministero dell'Economia e Finanza all'indirizzo di residenza del cittadino  alla data di scadenza della Tessera Sanitaria.

Attivare il certificato di autenticazione della CNS è una scelta del cittadino.

L'attivazione è necessaria solo se si vuole accedere ai servizi on line della Pubblica Amministrazione.

Per accedere ai servizi interattivi disponibili on line è necessario richiedere un codice di accesso personale (PIN), ad uno degli sportelli abilitati al rilascio.

Il PIN è necessario per garantire l'identificazione sicura in rete e la privacy del cittadino, in modo da permettere l'utilizzo della TS/CNS attraverso Internet, solamente a chi ne sia effettivamente il titolare.

La richiesta del PIN può essere effettuata in qualsiasi momento successivo al ricevimento della Carta.

Si può attivare la TS-CNS anche per delega nei casi previsti dal diritto di delega.

Per ottenere il PIN, il cittadino dovrà presentare allo sportello abilitato al rilascio:

  • la TS-CNS;
  • un documento d'identità valido;
  • un indirizzo di posta elettronica (anche non certificato e non necessariamente personale).

L'attivazione è necessaria solo se si vuole accedere ai servizi on line della Pubblica Amministrazione.

Per accedere ai servizi interattivi disponibili on line è necessario richiedere un codice di accesso personale (PIN), ad uno degli sportelli abilitati al rilascio.

Il PIN è necessario per garantire l'identificazione sicura in rete e la privacy del cittadino, in modo da permettere l'utilizzo della TS/CNS attraverso Internet, solamente a chi ne sia effettivamente il titolare.

Per ogni maggiore informazione visitare il sito relativo agli strumenti di accesso ai servizi in rete di Regione Marche.
 
Presto sarà possibile l'accesso anche tramite il Sistema Pubblico per la gestione dell'Identità Digitale (SPID).

 

 
Una volta registrato il consenso al FSE, i dati e documenti relativi all’assistito che ha prestato il consenso, prodotti dalle Aziende sanitarie e ospedaliere nel corso di visite mediche, ricoveri ecc., saranno archiviati in modo da essere resi accessibili al cittadino attraverso la sezione Area riservata . 
 
Una volta autenticatosi al FSE, il cittadino potrà accedere progressivamente a documenti quali: 
  • referti di laboratorio; 
  • referti di radiologia; 
  • profilo sanitario sintetico
  • prescrizioni
  • ecc.
per arrivare a raccogliere, conservare e organizzare l’insieme di dati e documenti clinici che costituiscono la storia sanitaria della persona. 
 
Per conoscere quali sono al momento i documenti disponibili e le aree nei quali è stata attivata la sperimentazione del Fascicolo si veda la sezione Sperimentazione.
 

Il consenso all’attivazione, alimentazione e consultazione del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) risponde ad un obbligo di legge espressamente previsto dal Codice in materia di protezione dei dati personali, di seguito “Codice Privacy” (D. Lgs. 196/2003) ed è volta a consentire ad ogni cittadino di valutare se fornire o meno i diversi consensi.
 
Il consenso all’attivazione, alimentazione e consultazione del FSE potrà avvenire soltanto previo specifico consenso esplicito, libero e informato da parte del cittadino. 
 
Il consenso FSE non va quindi confuso con altri consensi da prestati in ambito sanitario, quali ad esempio quello espresso al medico o alla struttura sanitaria per ottenere la prestazione sanitaria richiesta.
 
Durante la fase di sperimentazione del FSE, prevista dal 25/11/2015 al 31/03/2016, l’accesso al FSE sarà consentito esclusivamente al cittadino attraverso l’utilizzo delle proprie credenziali.
 
Una volta attivato il FSE i dati di ciascun cittadino saranno trattati con strumenti elettronici e trasmessi attraverso reti telematiche, nel rispetto di quanto previsto dal Codice Privacy. Sono adottate tutte le misure di protezione indicate dalla disciplina rilevante in tema di protezione dei dati personali, comprese le tecniche per la separazione e cifratura. I dati sanitari sono separati dai dati identificativi. 
 
In futuro, l’accesso ai dati e documenti sanitari e socio-sanitari sarà consentito anche al medico di medicina generale, al pediatra   di  libera   scelta  o   agli  operatori  e  professionisti sanitari e socio-sanitari che abbiano necessità di consultarli per finalità di cura, previo consenso libero, informato ed espresso e comunque attraverso una serie di accorgimenti informatici, tecnici ed organizzativi volti alla tutela e alla salvaguardia della riservatezza. Nello specifico sono predisposte apposite misure volte a garantire che solo il personale autorizzato possa avere accesso ai suoi dati. Ogni  accesso sarà tracciato e reso visibile sul Fascicolo ai cittadini.
 
Ogni cittadino ha la possibilità di non rendere visibili sul FSE i dati relativi a singoli episodi di cura (ad es.: una prestazione di pronto soccorso, un ricovero, una prestazione specialistica). Questa facoltà si definisce “diritto all’oscuramento”. 
 
Tali dati potranno essere oscurati direttamente dal cittadino tramite portale FSE ovvero rivolgendosi in qualsiasi momento alla struttura sanitaria che fornisce la prestazione o al proprio medico di fiducia, anche successivamente all’erogazione della stessa.
 
L’oscuramento dell’evento clinico avviene con modalità tecniche tali da garantire che i soggetti abilitati alla consultazione del FSE non possano né visualizzare l’evento oscurato né venire automaticamente, neppure temporaneamente, a conoscenza del fatto che l’interessato ha effettuato tale scelta. Tale circostanza viene definita “oscuramento dell’oscuramento”.
 
I dati ed i documenti oscurati sono consultabili solo dal cittadino e dal titolare che ha generato i dati stessi. In ogni caso ogni assistito ha comunque la facoltà di rendere nuovamente visibile un dato o un documento precedentemente oscurato.
 
Durante la fase di sperimentazione, attiva dal 25/11/2015 al 31/03/2016, le funzionalità di oscuramento potranno essere esercitate soltanto in via preventiva, comunicando agli operatori abilitati le relative scelte e impedendo l’alimentazione del FSE con i relativi documenti per i quali è stata esplicitata la volontà di oscuramento. Al termine della sperimentazione le funzioni di oscuramento saranno attivate secondo quanto indicato ai precedenti paragrafi.
 
 
 
Dal 25/11/2015 è stata avviata una sperimentazione del FSE che consente agli assistiti di Regione Marche di registrare i propri consensi FSE e di visualizzare gli eventuali documenti clinici prodotti in occasione di visite specialistiche/esami avvenuti presso le strutture che partecipano alla sperimentazione.
 
Di seguito le tipologie di documenti e le strutture che hanno attivato la sperimentazione del FSE: 
 
Tipologia referto disponibile Nome Azienda Nome Struttura Data Attivazione Sperimentazione
Referto di Laboratorio di analisi Azienda Sanitaria Unica Regionale – Area Vasta 4 – Fermo        Laboratorio Analisi Ospedale A. Murri di Fermo 26/11/2015
Referto di Laboratorio di analisi e Referto di radiologia Area Vasta 1 – Pesaro, Fano, Urbino Tutte le strutture ASUR (non le aziende ospedaliere di Fano e Pesaro) 06/02/2017
 
 

Per quanto riguarda la finalità di cura della salute, la titolarità del trattamento è in capo alla struttura sanitaria che ha reso la singola prestazione sanitaria dalla quale sono stati generati ovvero hanno avuto origine i dati sanitari e socio – sanitari raccolti e inseriti nel suo FSE. Si riportano di seguito le strutture sanitarie e socio-sanitarie afferenti la Regione Marche ciascuna delle quali è titolare del trattamento dei dati generati ovvero aventi origine dalla prestazione resa:

Con riferimento alla finalità di ricerca, titolari del trattamento dei dati tramite FSE sono la Regione Marche, le altre Regioni,  le Provincie Autonome e il Ministero della Salute, ciascuno nei limiti delle rispettive competenze attribuite dalla legge.

Con riferimento alla finalità di governo, titolari del trattamento dei dati tramite FSE sono la Regione Marche, le altre Regioni,  le Provincie Autonome, il Ministero della Salute e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ciascuno nei limiti delle rispettive competenze attribuite dalla legge.

Responsabili del trattamento ai sensi del Codice Privacy sono i soggetti designati dai Titolari di trattamento.

News
14/07/2015 - MPAY - Pagamento online AL 14 LUGLIO 2015 sarà possibile accedere al sistema di Pagamento online (Marche Payment) per prestazioni eseguite in regime istituzionale
06/02/2017 - Avvio FSE in AV1 La Regione Marche, dopo una precedente fase di Sperimentazione che aveva coinvolto l’AV4 (Fermo), ha avviato il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) anche in AV1. In esso andranno a confluire, previo rilascio del consenso informato da parte del cittadino, tutti i dati sanitari e socio-sanitari, dell’assistito stesso, prodotti digitalmente
01/12/2015 - Avvio Sperimentazione FSE La Regione Marche sta implementando il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), dove, quando il sistema sarà completamente a regime, andranno a confluire, previo rilascio del consenso informato da parte dell’assistito, tutti i dati, sanitari e socio-sanitari, dell’assistito stesso, prodotti digitalmente.